Lo studio riflette sulle questioni più propriamente giuridiche nell'opera di Karl Jasper e in quella di Niklas Luhmann, nella quale le dimensioni del 'giuridico' si risolvono in una mera osservazione di primo e secondo grado rinviabili al legislatore e al giudice. Si cerca di mostrare la differenza, non solo storica, tra i due filosofi, ma soprattutto una differenziazione che attiene al concetto di homo juridicus.

Diritto e osservatore. Un'interpretazione di jaspers in costante riferimento a Luhmann

AVITABILE, Luisa
1998

Abstract

Lo studio riflette sulle questioni più propriamente giuridiche nell'opera di Karl Jasper e in quella di Niklas Luhmann, nella quale le dimensioni del 'giuridico' si risolvono in una mera osservazione di primo e secondo grado rinviabili al legislatore e al giudice. Si cerca di mostrare la differenza, non solo storica, tra i due filosofi, ma soprattutto una differenziazione che attiene al concetto di homo juridicus.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/2992
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact