La direttiva 2008/52/CE imponeva a tutti gli Stati l'implementazione di strumenti volti alla risoluzione alterantiva delle controversie civili e commerciali. Il legislatore italiano ha effettivamente adempiuto gli obblighi europei estendendo la disciplina della mediazione anche alle controversie meramente interne. Scopo del presente è l'analisi della disciplina di attuazione al fine di valutarne la compatibilità con i precetti europei anche alla luce dei recenti rinvii pregiudiziali.

L'attuazione della direttiva 2008/52/CE sulla mediazione nelle controversie civili e commerciali al vaglio della Corte di giustizia U.E.

MAIELLO, Francesco
2012

Abstract

La direttiva 2008/52/CE imponeva a tutti gli Stati l'implementazione di strumenti volti alla risoluzione alterantiva delle controversie civili e commerciali. Il legislatore italiano ha effettivamente adempiuto gli obblighi europei estendendo la disciplina della mediazione anche alle controversie meramente interne. Scopo del presente è l'analisi della disciplina di attuazione al fine di valutarne la compatibilità con i precetti europei anche alla luce dei recenti rinvii pregiudiziali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/24443
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact