Il saggio si propone di verificare, nell’àmbito del più ampio fenomeno delle tecniche di risoluzione alternativa delle controversie, l’utilità della mediazione quale strumento di gestione alternativa della conflittualità in materia ambientale. In tale prospettiva, si osserva come l’introduzione della mediazione nella sfera dei conflitti ambientali rappresenti un cambiamento di approccio importante, specie se si considera che una delle note distintive della mediazione ambientale è rappresentata dal fatto di trattare conflitti relativi al rapporto tra cittadini e Pubblica Amministrazione (materia del contendere sono, infatti, il più delle volte, interessi, per così dire, “diffusi”). In tale ottica, si osserva come la mediazione ambientale potrebbe rappresentare un’occasione di ridefinizione del rapporto tra cittadini e Pubblica Amministrazione, attraverso l’utilizzo di tecniche di “progettazione partecipata”, usate già da tempo in altri Stati, in grado di valorizzare il patrimonio di conoscenza degli abitanti e di chi opera e lavora nel territorio, per costruire progetti di riqualificazione condivisi.

Mediazione e conflitti ambientali

PORCELLI, Maria
2012

Abstract

Il saggio si propone di verificare, nell’àmbito del più ampio fenomeno delle tecniche di risoluzione alternativa delle controversie, l’utilità della mediazione quale strumento di gestione alternativa della conflittualità in materia ambientale. In tale prospettiva, si osserva come l’introduzione della mediazione nella sfera dei conflitti ambientali rappresenti un cambiamento di approccio importante, specie se si considera che una delle note distintive della mediazione ambientale è rappresentata dal fatto di trattare conflitti relativi al rapporto tra cittadini e Pubblica Amministrazione (materia del contendere sono, infatti, il più delle volte, interessi, per così dire, “diffusi”). In tale ottica, si osserva come la mediazione ambientale potrebbe rappresentare un’occasione di ridefinizione del rapporto tra cittadini e Pubblica Amministrazione, attraverso l’utilizzo di tecniche di “progettazione partecipata”, usate già da tempo in altri Stati, in grado di valorizzare il patrimonio di conoscenza degli abitanti e di chi opera e lavora nel territorio, per costruire progetti di riqualificazione condivisi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/23176
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact