Il terzo giudice tra gratuità e funzione