[Quintiliano]. La città che si cibò dei suoi cadaveri (Declamazioni maggiori, 12)