Quel che giunge alla parola: Hegel e la proposizione speculativa