L'autore si sofferma sugli studi dedicati da Eugenio Garin a Leon Battista Alberti, che offrono un'interpretazione innopvativa del pensiero dell'aumanista, affiancando e opponendo all'Alberti 'uomo universale' di Burckhardt, un Albertti disincantato e profondamente pessimista sul destino e sulla capacità dell'uomo di opporsi alla Fortuna. Un'interpreatzione, quella di Garin, che si è venuta modificando, dalle prime pagine dedicate all'umanista negli anni Quaranta del Novecento ai contributi degli anni più recenti.

Eugenio Garin e Leon Battista Alberti

GENTILE, Sebastiano
2011

Abstract

L'autore si sofferma sugli studi dedicati da Eugenio Garin a Leon Battista Alberti, che offrono un'interpretazione innopvativa del pensiero dell'aumanista, affiancando e opponendo all'Alberti 'uomo universale' di Burckhardt, un Albertti disincantato e profondamente pessimista sul destino e sulla capacità dell'uomo di opporsi alla Fortuna. Un'interpreatzione, quella di Garin, che si è venuta modificando, dalle prime pagine dedicate all'umanista negli anni Quaranta del Novecento ai contributi degli anni più recenti.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Garin e Alberti.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 573.29 kB
Formato Adobe PDF
573.29 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/20129
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact