La città di Cassino è stata interamente rasa al suolo durante il secondo conflitto mondiale, e nella sua ricostruzione/nuova edificazione ha perso le regole e le strutturazioni spaziali che nei secoli ne avevano connotato il tessuto urbano. L’articolo si focalizza sul tessuto urbano che si è sostituto a quello perduto, poiché dopo la perdita totale dell’identità della città, con la terribile distruzione fisica, e con la perdita dei documenti che avrebbero potuto mantenere anche solo una traccia di quello che era stato, esso rappresenta il vero e proprio termine post quem per la città di Cassino.

Tracce di una città negata: segni e disegni di una trasformazione tra ricostruzione e nuova edificazione

CIGOLA, Michela
2011

Abstract

La città di Cassino è stata interamente rasa al suolo durante il secondo conflitto mondiale, e nella sua ricostruzione/nuova edificazione ha perso le regole e le strutturazioni spaziali che nei secoli ne avevano connotato il tessuto urbano. L’articolo si focalizza sul tessuto urbano che si è sostituto a quello perduto, poiché dopo la perdita totale dell’identità della città, con la terribile distruzione fisica, e con la perdita dei documenti che avrebbero potuto mantenere anche solo una traccia di quello che era stato, esso rappresenta il vero e proprio termine post quem per la città di Cassino.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/19946
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact