Brevissima riflessione psicologica su due poesie di Katarina Frostenson