Sulla caratterizzazione di un organo di regolazione mediante l’esecuzione di prove in moto vario