“La Favoletta” di Franz Kafka: cenni psicologici