Maurice Joly, un colpo di stato mediatico