Il saggio propone una riflessione sul rapporto di Piero Gobetti con la musica: un incontro “mancato”, stando a quello che sembra emergere dai suoi scritti dati alle stampe, tra i quali non figura alcun testo espressamente dedicato all’analisi di opere, eventi o fenomeni musicali. Il dato è abbastanza singolare, se si pensa alla straordinaria vitalità dell’ambiente musicale della Torino in cui egli si trovò ad operare; soprattutto se si considera che Gobetti non ha mai inteso circoscrivere la sua militanza intellettuale nell’ambito dell’analisi storiografica e della battaglia politica, ma si è dedicato con pari vigore all’esercizio della riflessione critica nel campo della letteratura, della filosofia, del teatro e delle arti figurative. L’indagine potrebbe arrestarsi a questo punto, se ciò che emerge dalla valutazione della sua attività pubblica non fosse bilanciato da una vera e propria irruzione della musica nelle sue vicende private: numerosi accenni alla musica compaiono infatti nei suoi diari e nel suo carteggio con la fidanzata Ada Prospero. Attraverso l’analisi di questi passi, sottoposti a un delicato lavoro di contestualizzazione e ricostruzione interpretativa, il rapporto di Gobetti con la musica viene inquadrato nel contesto della realtà culturale dell’epoca e posto in relazione alla diversa considerazione del ruolo sociale e culturale della musica che emerge dagli scritti di alcuni suoi importanti amici e “compagni di strada” come Debenedetti, Gramsci e Montale.

"Mi sforzavo di sentire": Piero Gobetti, Ada e la musica

PASTICCI, Susanna
2006

Abstract

Il saggio propone una riflessione sul rapporto di Piero Gobetti con la musica: un incontro “mancato”, stando a quello che sembra emergere dai suoi scritti dati alle stampe, tra i quali non figura alcun testo espressamente dedicato all’analisi di opere, eventi o fenomeni musicali. Il dato è abbastanza singolare, se si pensa alla straordinaria vitalità dell’ambiente musicale della Torino in cui egli si trovò ad operare; soprattutto se si considera che Gobetti non ha mai inteso circoscrivere la sua militanza intellettuale nell’ambito dell’analisi storiografica e della battaglia politica, ma si è dedicato con pari vigore all’esercizio della riflessione critica nel campo della letteratura, della filosofia, del teatro e delle arti figurative. L’indagine potrebbe arrestarsi a questo punto, se ciò che emerge dalla valutazione della sua attività pubblica non fosse bilanciato da una vera e propria irruzione della musica nelle sue vicende private: numerosi accenni alla musica compaiono infatti nei suoi diari e nel suo carteggio con la fidanzata Ada Prospero. Attraverso l’analisi di questi passi, sottoposti a un delicato lavoro di contestualizzazione e ricostruzione interpretativa, il rapporto di Gobetti con la musica viene inquadrato nel contesto della realtà culturale dell’epoca e posto in relazione alla diversa considerazione del ruolo sociale e culturale della musica che emerge dagli scritti di alcuni suoi importanti amici e “compagni di strada” come Debenedetti, Gramsci e Montale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Gobetti e la musica.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.77 MB
Formato Adobe PDF
1.77 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/1377
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact