L’indagine ha valutato la qualità dell’aria in 26 aule delle principali scuole superiori della città di Cassino (FR) sia progettate per l’uso scolastico che come civili abitazioni. Le rilevazioni sono state svolte durante la stagione invernale e quella primaverile, prima dell’ingresso degli alunni e durante le lezioni. In inverno sono state evidenziate le situazioni di maggiore discomfort, infatti, gli indici di benessere termoigroventilatorio sono risultati ottimali solo per una bassa percentuale di aule e si riflettono nelle situazioni di discomfort termico percepito dagli studenti. I valori della velocità dell’aria, sia in inverno che in primavera e in entrambe le tipologie di istituto, sono stati spesso insufficienti per garantire adeguati ricambi d’aria naturali. Le misurazioni di illuminamento, effettuate in inverno, sia a luce naturale che mista, hanno evidenziato valori inferiori a 200 lux previsti dal DM 18.12.1975. Anche il livello sonoro è risultato frequentemente al di sopra delle indicazioni del DPCM 01.03.1991. I disturbi più consueti riferiti dagli studenti sono stati mal di testa, difficoltà di concentrazione, tosse, stanchezza non abituale. Le numerose situazioni di discomfort, riscontrate in entrambe le tipologie di istituto, richiedono maggiore interesse verso la qualità dell’aria negli ambienti scolastici da cui possono dipendere l’attenzione, la concentrazione, il rendimento e la condizione di benessere degli studenti.

La qualità dell'aria negli edifici scolastici progettati ad hoc e in edifici abitativi riadattati

LANGIANO, Elisa;FERRARA, Maria;CAPELLI, Giovanni;DE VITO, Elisabetta
2008

Abstract

L’indagine ha valutato la qualità dell’aria in 26 aule delle principali scuole superiori della città di Cassino (FR) sia progettate per l’uso scolastico che come civili abitazioni. Le rilevazioni sono state svolte durante la stagione invernale e quella primaverile, prima dell’ingresso degli alunni e durante le lezioni. In inverno sono state evidenziate le situazioni di maggiore discomfort, infatti, gli indici di benessere termoigroventilatorio sono risultati ottimali solo per una bassa percentuale di aule e si riflettono nelle situazioni di discomfort termico percepito dagli studenti. I valori della velocità dell’aria, sia in inverno che in primavera e in entrambe le tipologie di istituto, sono stati spesso insufficienti per garantire adeguati ricambi d’aria naturali. Le misurazioni di illuminamento, effettuate in inverno, sia a luce naturale che mista, hanno evidenziato valori inferiori a 200 lux previsti dal DM 18.12.1975. Anche il livello sonoro è risultato frequentemente al di sopra delle indicazioni del DPCM 01.03.1991. I disturbi più consueti riferiti dagli studenti sono stati mal di testa, difficoltà di concentrazione, tosse, stanchezza non abituale. Le numerose situazioni di discomfort, riscontrate in entrambe le tipologie di istituto, richiedono maggiore interesse verso la qualità dell’aria negli ambienti scolastici da cui possono dipendere l’attenzione, la concentrazione, il rendimento e la condizione di benessere degli studenti.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
qualità dell'aria edifici scolastici.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: DRM non definito
Dimensione 741.23 kB
Formato Adobe PDF
741.23 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/13511
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact