Nominativi fritti e mappamondi. Il nonsense nella letteratura italiana