Dal Cairo a Kabul: il controllo sociale della sessualità come strumento di potere