Un kyriale in canto fratto e un Amen a tre voci nell’Archivio capitolare di Urbino